C’è un cuore che batte nel cuore di Roma: Trattoria Vecchia Roma

Avevo promesso alla mia eclettica amica Dafne che avrei scritto un articolo (giornalisti e bloggers non me ne vogliano) per il suo blog. E allora quale miglior occasione, se non quella del ritorno alla trattoria Vecchia Roma. Per poter scrivere è necessario farsi guidare – travolgere – dall’ispirazione, a prescindere da quale ne sia la fonte. E dopo aver ascoltato una canzone di Antonello Venditti (non a caso, romano doc), le dita cominciano a scorrere sulla testiera.

C’è rabbia al confine di questo quartiere/se esci di casa la puoi respirare/c’è un fiume di gente nel cuore di Roma/che vive e che soffre ed io ti amo ancora“. È oramai assodata la contaminazione sensoriale che può esservi tra musica e cibo. Ma senza lasciarsi trasportare troppo dalla fantasia, da astrusi accostamenti semantici o da voli pindarici, direi che questo estratto della canzone del succitato cantautore romano possa descrivere bene dove ci troviamo.

trattoria vecchia roma ristorantetrattoria vecchia roma pasta

La trattoria Vecchia Roma, che nell’anno appena trascorso ha festeggiato il suo centenario, si trova nel multietnico quartiere Esquilino (dove hanno sede – tra le altre – la gelateria Fassi e la pasticceria Regoli: se siete in zona non potere non andare). Nel locale echeggiano i colori, profumi e sapori della quotidiana romanità, e troverete personale cortese, alla mano e molto disponibile.

Se andate in quel di Vecchia Roma, dovete assolutamente ordinare la famosa “Amatriciana flambé“, delizia per il palato e per la vista, abbondante e succulenta. E se il piacere sta nell’attesa (come diceva Cesare Pavese), potrete osservare le fasi finali della sua preparazione direttamente con i vostri occhi. La pasta – siano essi bucatini o bombolotti (mezzemaniche) – viene mantecata direttamente nella forma di pecorino. La contaminazione sensoriale esploderà. Ma le immagini parlano da sè.

trattoria vecchia roma parmigiana flambè

Non meno plateale è la Parmigiana flambé, sempre mantecata “a vista”. Ma anche gli spaghetti alla Carbonara o i bombolotti radicchio e fiori di zucca.

carbonara trattoria vecchia roma
Pasta alla Carbonara
bucatini_parmigiana_flambè_vecchia roma
Bucatini Parmigiana Flambè

tagliere_salumi e formaggi

scamorza_

Ovviamente sono deliziosi e lauti anche gli antipasti (dal tagliere di salumi e formaggi, alle bruschette miste, fino ai fritti), i secondi piatti (dalla trippa alla romana, alla coda alla vaccinara, sino alla scamorza alla salciccia) o la pizza, financo i dolci (il tiramisù “fatto in casa” è ottimo). E queste sono soltanto alcune delle prelibatezze – piatti tipici della cucina romana – provate nelle innumeroli sortite a cena o a pranzo.

La trattoria Vecchia Roma è sita, per la precisione, in Via Ferruccio n. 12b/c, angolo Via Buonarroti, nelle immediate vicinanze di Piazza Vittorio Emanuele II (fermata metro A Vittorio Emanuele).

Il locale, sia a pranzo che a cena, è sempre affollato. È necessario prenotare – anche con largo anticipo, qualora vogliate andarvi a cena nel week-end. Per romani e turisti è un punto fermo da decenni. Nel cuore di Roma.


Le immagini utilizzate sono tratte da internet, dal sito web della trattoria (http://www.trattoriavecchiaroma.it) e dalla pagina facebook e instagram.